In Google, SEO

Penalizzazione Google

Le penalizzazione sono il peggior incubo di qualsiasi webmaster.

Il giorno prima stai godendo di una posizione ultra-competitiva in serp. Il giorno dopo è completamente scomparso tutto dai risultati della ricerca.

Forse ti ha penalizzato Google?

Prima di iniziare a tirarti i capelli, rilassati. In questo articolo spiegherò, (se questo è il caso) punto per punto quello che devi fare per scoprirlo e recuperare.

È davvero una penalizzazione?

Ogni volta che c’è una improvvisa perdita di traffico, la prima cosa che pensi è: “Sono stato penalizzato!”, Ma non è la sola cosa che ti può accadere. Ci sono spesso delle oscillazioni nei risultati dei motori di ricerca, le tendenze di ricerca cambiano, i tuoi concorrenti ti superano, oppure puoi anche consultare il file robots.txt .

Il primo passo per sapere se Google ha penalizzato il tuo sito è quello di escludere qualsiasi altra possibilità. Solo quando sei sicuro che non può essere stato altro, puoi considerare una penalità.

I sintomi comuni di una penalizzazione sono:

  • Il traffico organico proveniente da Google è ridotto
  • Il sito perde una visibilità per alcune o tutte le parole chiave
  • Alcune pagine scompaiono dai risultati di ricerca
  • Il dominio si arresta quando viene cercato con il suo nome
  • Il dominio viene de- indicizzato dal motore di ricerca

Questi sintomi non compaiono per caso. Generalmente, Google impone sanzioni per cose come:

  • Crea link artificiali per aumentare le posizioni
  • Caricare smisuratamente le pagine con parole chiave ripetute per aumentare la pertinenza
  • Copia il contenuto da altre pagine
  • Scambi di collegamenti eccessivi
  • Acquista o vendi i link
  • Utilizza il testo nascosto
  • Mostra un contenuto al motore di ricerca diverso all’utente
  • SEO negativo

Se percepisci sintomi sospetti e hai agito contro le linee guida di qualità di Google , probabilmente hai ricevuto una penalizzazione.

Tipi di sanzioni su Google

Google prevede 2 tipi di sanzioni:

  • Penalità manuali : Il tuo sito ha attivato un segnale di allarme o qualcuno ha inviato un rapporto di spam . Dopo di che il team del motore di ricerca controlla il tuo sito, se pertinente, applica un’azione manuale. Poi si riceve una notifica tramite Search Console . È il caso più grave e impegnativo da recuperare.
  • Penalità algoritmica – Un algoritmo rileva che il tuo sito viola in qualche modo le linee guida del motore di ricerca e impone automaticamente una penalità, ad esempio un crollo di 20 posizioni nel range. In questo caso non ricevi alcun tipo di notifica, ma è più facile da risolvere.

È importante sapere quale sia il caso perchè la procedura di recupero varia. Se Google ti ha inviato un messaggio tramite Search Console, non c’è dubbio che tu sia stato penalizzato manualmente (puoi controllarlo nella sezione Cerca traffico> Azioni manuali ).

Altrimenti probabilmente è un filtro algoritmico e devi seguire le indicazioni del punto successivo.

Come sapere quale animale ti ha colpito?

Google ha dichiarato guerra a siti web che vanno al di là delle loro politiche e linee guida sulla qualità. E ‘stanco di essere usato in modo scorretto . Così ha deciso di difendersi e combattere, ha formato un esercito di animali in grado di individuare e punire automaticamente ogni tipo di comportamento ingannevole e manipolatore.

penalizzazione penguin e panda

Chi sono i due Animali ?

  • Panda – Il più popolare, è un algoritmo che colpisce siti che offrono contenuti poveri di qualità, nonché annunci in eccesso. È stato lanciato nel febbraio 2011 e ha più di trenta aggiornamenti.
  • Penguin – Conosciuto anche come Penguin , questo altro algoritmo riguarda siti che cercano di manipolare le classifiche creando dei collegamenti artificiali. La prima versione di aprile 2012 è stata aggiornata 6 volte.

Come fai a sapere quale di questi bei animali ti ha colpito? A differenza di un’azione manuale in cui Google ti invia un messaggio per avvisarti della penalità, con un algoritmo la cosa non è chiara. Il motore di ricerca non ti dirà che sei penalizzato, devi saperlo e scoprirlo da solo.

Per sapere se ti ha colpito un algoritmo come Panda o Penguin, la più efficace è consultare i dati del traffico in Analytics con le date degli algoritmi. Ad esempio, se si nota che il traffico di Google ha cominciato a collassare il 25 maggio e il Penguin è stato aggiornato il 22 maggio, potrebbe essere di rilievo (ovviamente devi aver fatto qualcosa che Penguin rileva).

E’ possibile utilizzare il checker di penalità online come per scoprire se sei stato penalizzato da google:

Questi strumenti ottengono i dati del traffico di Analytics e si sovrappongono alle date degli aggiornamenti principali. La presentazione grafica e alcune funzioni di analisi aiutano a identificare gli aggiornamenti che potrebbero avere influenzato il tuo sito, anche se sono meno attendibili di un controllo manuale.

Cosa fare se sei stato penalizzato da Google Panda

Ciò significa che Google ha rilevato problemi con i contenuti del tuo sito e, in particolare, i problemi con una scarsa qualità dei contenuti. Grazie ad un articolo di Mark Nunney (scritto in inglese)conosciamo i fattori che Google utilizza per misurare la scarsa qualità dei siti:

  • Un’elevata percentuale di contenuti duplicati ( se fraudolenti )
  • Una quantità ridotta di contenuti originali in una pagina o sito
  • Un’elevata percentuale (o quantità) di pagine con contenuto copiato
  • Molti annunci inappropriati (irrilevanti), soprattutto nella parte superiore della pagina
  • Il contenuto della pagina (e il titolo della pagina) non corrisponde alla query di ricerca per la quale è posizionata

Quindi per sfuggire a Panda la prima cosa che devi fare è sbarazzarti di tutto questo e poi fare il contrario. È così semplice.

Ecco la guida per recuperare la stima di Google:

  • Eliminare i contenuti duplicati – Sia ciò che è all’interno del tuo sito web che in esterno. Nel primo caso, scartare il contenuto che è stato copiato e riscriverlo .Nel secondo caso, agire contro il plagio, rubano il tuo contenuto senza autorizzazione.
  • Pubblica contenuti singoli di alta qualità – Pubblica contenuti che non possono essere trovati altrove e sarai molto vicino al recupero da Panda. Un punto di vista personale può essere sufficiente per recuperare terreno.
  • Fare attenzione ai collegamenti in uscita – Tutti i contenuti di qualità includono collegamenti a fonti preziose, sia per espandere le informazioni o per supportare un parere. Inserisci link ad altri buoni contenuti e non abbiate paura che l’utente possa lasciare il tuo sito. Inoltre, sbarazzati di qualsiasi collegamento che punta a siti di bassa qualità.
  • Riduzione della pubblicità – La pubblicità sul tuo sito può portare vantaggi, ma non avere più pubblicità che contenuti; è controproducente. D’altra parte, cerchi di rendere tale pubblicità relativa ai contenuti che offri. Migliorerà l’esperienza dell’utente e sarà più facile per qualcuno fare clic .
  • Evitare l’eccessiva ripetizione di parole chiavi – Se le tue pagine ripetono così tante volte la parola chiave senza una sensata attinenza al testo, dovresti pensare a ridurre il rapporto tra il testo e il tag titolo . Considera l’uso di sinonimi e termini correlati.

Inoltre, ti consiglio di salvare tutte le modifiche apportate per pulire il tuo sito in un Registro di sistema.

Come agire se sei stato penalizzato da Penguin

Mentre Panda si concentra sul contenuto del tuo sito, l’algoritmo Penguin è stato progettato per individuare la manipolazione del motore di ricerca , soprattutto attraverso collegamenti artificiali. In altre parole, ciò che Penguin tiene maggiormente conto è l’aspetto dei collegamenti che puntano al tuo sito.

I collegamenti peggiori sono quelli che derivano da :

  • Acquistare collegamenti (anche se molti lo fanno)
  • Scambio di link in modo compulsivo
  • Utilizza programmi o servizi automatici per creare collegamenti

Questi tipi di collegamenti sono facili da individuare in quanto:

  • Di solito hanno lo stesso testo di collegamento
  • Utilizza parole chiave esatte o testi troppo ottimizzati
  • Provengono da siti di scarsa qualità
  • La sua proporzione all’interno del profilo di collegamento è elevata

Se i tuoi collegamenti sembrano simili. La soluzione per recuperare da Penguin è eliminarli.

Ecco i passaggi di base:

  1. Pulisci il tuo profilo di collegamento – Puoi trovare i link in Google Search Console, in particolare da traffico di ricerca> Collegamenti al tuo sito .
  2. Elimina i collegamenti spam – carica il file di collegamenti in Excel e contrassegna tutti quelli artificiali. Non è necessario controllarli uno a uno manualmente.
  3. Chiedere la cancellazione – Questo passo è imperativo nel caso di un’azione manuale, ma non nel caso di Penguin. Consiste nel contattare i siti web in cui si trovano i link per richiedere la loro rimozione. La maggior parte ti ignorerà, ma alcuni li cancelleranno.
  4. Autorizza il resto – Dopo un periodo di attesa, trattare i link non rimossi con lo strumento Disavow di Google .
  5. Inviare una riconsiderazione a Google – Solo se si dispone di un messaggio di azione manuale. Nella prossima sezione parlerò di questa tematica.

La richiesta di riesame (in caso di azione manuale)

Una volta che hai fatto del tuo meglio per pulire il sito e / o il tuo profilo di collegamento, puoi inviare una richiesta di riconsiderazione a Google. Un membro del team web spam verificherà quello che hai fatto e decidi se ti meriti di essere assolto della sanzione di sua maestà Google.

Naturalmente, ricorda che è possibile presentare una richiesta di riesame se Google ti ha penalizzato manualmente . Vale a dire che ti ha inviato un messaggio tramite Search Console per dirti che non hai rispettato le sue linee guida, che trovi in azioni manuali .

Detto questo, ecco alcuni suggerimenti per preparare la tua richiesta :

  • Utilizza un tono piacevole, cortese e rispettoso
  • Accettare le proprie responsabilità
  • Se fosse stata l’agenzia SEO ,a compiere un azione che ti ha penalizzato menzionalo
  • Spiegate uno a uno le misure correttive che avete preso
  • Includere documenti di supporto, come email e screenshot
  • Mensionare il file Disavow se l’hai usato
  • Chiarire che ti impegni a rispettare le regole da ora in poi

Questo è il link per inviare il report delle azioni manuali, in questa pagina . Ma ricorda, prima di inviare qualcosa, devi aver fatto tutto il possibile per pulire il tuo sito o link.

Sei stato penalizzato da Google ?
Raccontaci la tua esperienza se ne hai avuta una

Ti è piaciuto l'articolo ?
[Totale: 1 Media Voto: 1]
Post suggeriti
Lascia un commento

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

indicizzare-pagina-da-googleseo negativa