In Web Marketing

26 tecniche per guadagnare con un blog

Ci sono centinaia di articoli intitolati “Modi per fare soldi con il tuo blog“. o “modi per monetizzare con un blog” Lo so, lo so. Ma se ho deciso di scrivere su questo argomento, come guadagnare con un blog è perché voglio dire la mia in merito all’argomento.

Non ho intenzione di darti una lista definitiva, non spiego come fare soldi , ma come puoi farli, i mezzi e i metodi,  mettere sul tavolo i metodi più tradizionali per poter guadagnare con il tuo blog. Su Internet le cose tendono a cambiare molto velocemente, quindi ci possono essere altri modi per generare reddito. Quelli che troverete qui sotto sono metodi convalidati e provati.

Ho deciso di separare la lista tra vendite dirette e indirette.

Guadagnare con un Blog – Vendite dirette

Guadagnare online

Come fare soldi su internet- vendite dirette


1. Reti pubblicitarie Pay Per Click (PPC)

Google Adsense

Google AdSense è l’opzione più comune per monetizzare con un blog , ma ciò non dovrebbe farti pensare che non ce ne siano altri. In linea di principio, devi solo registrarti e quindi incollare alcuni codici che ti vengono forniti sul tuo sito web. Attraverso questo, il sistema pubblicherà avvisi contestuali (testi o immagini) e guadagnerai una piccola somma di denaro per ogni clic ricevuto .

Parametri chiave che influenzano il tuo reddito:
» Nicchia
» Volume del traffico
» % Di traffico organico, poiché i motori di ricerca portano persone che cercano qualcosa in particolare e in genere hanno fattori di conversione migliori in quanto i visitatori cercano esplicitamente qualcosa, che è probabile che facciano clic più frequentemente sui tuoi annunci.
» % CTR Rate al clic sulla pagina
» CPC o costo per clic

Altri servizi pubblicitari PPC:

Google AdSense
payclick
exoclick
buysellads

2. Reti pubblicitarie CPM (costo per mille impressioni)

Gli annunci CPM, anche se simili a PPC, hanno un’altra modalità di funzionamento. Anche se sono contestuali come gli altri, in questo caso pagano il numero di impressioni di tali annunci sul tuo sito web. Ogni qualvolta si aprirà la schermata del tuo sito e appare un determinato banner. Esempio: un blog che genera mensilmente 100.000 visualizzazioni pagina che mostra un determinato banner, se ha un CPM di un euro, guadagnerai 100 euro alla fine del mese {= (100.000 / 1000) * 1}.

Parametri chiave che influenzano il tuo reddito:

  • Nicchia
  • Volume del traffico
  • Capacità di segmentazione del pubblico del blog , fattore -demografico + interessi)
  • Dimensione del banner
  • Posizione banner
  • Formato banner (statico o animato, jpg / gif o flash)

 Reti pubblicitarie CPM più conosciute:

3. Pubblicità diretta con banner

Se vuoi guadagnare con un blog  Adsense può darti una mano, ma per guadagnare devi avere molte visite mensili altrimenti il guadagno sarà irrisorio o perfino inesistente.

Con i banner diretti invece  risparmi l’intera questione degli intermediari. E secondo, perché puoi impostare tu stesso le tariffe. I formati standardizzati sono le di 728 × 90 pixel, i pannelli laterali di 120 × 600, i rettangoli di 300 × 250 e i pulsanti di 125 × 125.

Funzionerà meglio se hai già un pubblico ampio e molto segmentato, e dovresti anche perdere parte del tuo tempo nel processo di vendita e raccolta di spazi.

4. Link sponsorizzati

Il vantaggio di questo metodo è che non è affatto invasivo . Puoi vendere i collegamenti direttamente dal tuo blog o utilizzare reti specializzate. Un modo facile e veloce per guadagnare con un blog .

Parametri importanti:

  • Scelta anchor text
  • Reciprocità del collegamento
  • Se il collegamento è presente su tutte le pagine o solo in una.
  • Se la pagina in questione è la tua home o un articolo standard.

Queste sono alcune reti di link sponsorizzati:

5. Vendita per affiliazione

È una pratica molto comune su Internet. Con il sistema di affiliazione, trasformerai il tuo sito in una vetrina per consentire ad altre società (affiliate) di vendere direttamente o indirettamente i loro prodotti o servizi, in cambio di una commissione.

Alcuni chiamano questa modalità con l’acronimo CPA, che significa “costo per azione”, o CPL, “costo per raccomandazione” (costo per lead). I fornitori affiliati possono indirizzare potenziali clienti al sito di vendita, attraverso diversi canali come banner, link sponsorizzati in una raccomandazione sul prodotto.

Per trovare buoni programmi di affiliazione, è necessario contattare direttamente le grandi aziende e / o i blog o unirsi alle reti di vendita affiliate. Per me, è il modello più efficace per monetizzare il blog .

Alcuni dei più riconosciuti sono:

Non giocare mai con la tua reputazione:

  • Promuovi solo i prodotti che conosci e che sembrano buoni e utili per il tuo pubblico.
  • Se pensi che sia importante, puoi essere ancora più trasparente e dire ai tuoi lettori che si tratta di un link di affiliazione, prima ancora che facciano clic.

6. Recensioni

Pay Per Post è stato il pioniere di questo modello, suscitò alcune polemiche per il suo utilizzo, legate al fatto che non specificavano che i  post fossero sponsorizzati e quindi valutati per scopi di interesse personale. Se devi recensire un prodotto sicuramente ne parli bene se vuoi essere pagato bene.

Ben presto altre aziende hanno seguito questa strada,  di maggior successo sono state sponsoredreviews e ReviewMe , che hanno perfezionato il processo e ampliato il modello.

A proposito, non tutti i blogger saranno disposti a scrivere su un determinato prodotto, considerando che ciò può influire sulla loro credibilità. Ma ci sono anche molti che lo fanno per monetizzare un blog . e ci guadagnano bene.

Questa pratica attualmente è usata tantissimo su youtube per recensire prodotti.

Se il tuo blog ha un buon numero di lettori forse puoi implementare da solo un modello diretto di post sponsorizzati, evitando le commissioni degli intermediari.

7. Feed RSS degli annunci

Con la rapida diffusione delle tecnologie RSS, i proprietari di siti e blog sembrano aver trovato un nuovo modo per monetizzare i blog attraverso questo nuovo canale di distribuzione dei contenuti.

Potresti essere interessato a vedere:

8. Sponsor di parti specifiche del tuo blog

Se il tuo blog pubblica un piano editoriale fisso, come una rubrica settimanale, una sezione sondaggi, la presentazione di nuovi prodotti, una serie di interviste con persone di spicco … beh, qualunque sia, forse puoi trovare uno sponsor specifico per quelle sezioni .

Questo metodo è ampiamente utilizzato per espandere le entrate generate da un sito e interessa gli inserzionisti perché consente loro di focalizzare il proprio messaggio ad un pubblico molto specifico e a un costo basso per loro.

Un buon esempio di questo è quello realizzato da Problogger , che nello sviluppare progetti di scrittura di gruppo, annuncia pubblicamente il progetto, convocando gli inserzionisti che vogliono sponsorizzarlo. E ti dico, non è male …

9. Contenuti premium

Alcuni siti Web e blog offrono parte dei loro contenuti gratuitamente, ma richiedono una tariffa per accedere a contenuti premium e strumenti esclusivi.

Moz è un esempio di questo. Hanno un blog molto visitato che offre consigli e informazioni su una varietà di argomenti relativi alla SEO.

E come complemento, gli utenti possono diventare membri premium, in cambio di $ 79 al mese, che daranno loro il diritto di accedere a una serie di strumenti / materiali / servizi esclusivi …

Un grande modello per monetizzare il blog .

10. Forum privati

Mentre Internet è piena di forum gratuiti, v’è anche la possibilità di creare un forum privato dove i membri devono pagare un canone di accesso o un canone mensile per aderire. Ovviamente il valore che i moderatori del forum apportano nelle loro risposte è fondamentale in questo modello. Così come i tempi di risposta. La gente odia aspettare, ancora di più su Internet.

Anche se è molto difficile fidelizzare lettori a pagamento, ci sono ancora delle realtà che continuano a funzionare.

Se vuoi creare un forum, sia a pagamento che gratuito:

11. Mercati specializzati

ThemeForest è un buon esempio. Segna una tendenza che molti blogger stanno già cercando di imitare, ognuno nella propria nicchia. A seconda del tuo argomento specifico, un mercato interno può consentire ai tuoi visitatori di vendere, acquistare e scambiare prodotti.

Non è una cattiva idea Nel corso del tempo, è possibile iniziare a addebitare una piccola commissione per queste transazioni o pubblicando gli annunci.

Il conduttore di questo metodo è che non esiste un software specifico sul web che ti consenta di metterlo in funzione, con il quale avrai la necessità di assumere un programmatore per sviluppare un mercato interno che puoi integrare nel tuo blog.

12. Sondaggi

Ci sono aziende che saranno disposte a pagarti per aver pubblicato un sondaggio sul tuo sito. Tutto dipende dalla tua nicchia e dal pubblico del tuo blog.

13. Vendi o affitta alcune pagine del tuo blog

Ci sono molti esempi, uno dei quali è il Wiki Million Dollar. Questo tipo di siti vende o noleggia per un determinato importo, alcune delle pagine interne sotto il tuo dominio.

Normalmente si tratta di pagine con elevato PageRank o con molto traffico, con le quali le persone che comprano e noleggiano lo spazio riceveranno parte di tale vantaggio.

Siamo d’accordo che può essere ancora un po ‘complicato usare questo metodo in un piccolo blog, ma vale la pena annotarlo, per svilupparlo in futuro.

14. Messaggi in primo piano dei tuoi sponsor

Techmeme è stato il pioniere di questa idea ma non in molti sposano questa tecnica di sponsorizzazione.

Sulla sinistra dello schermo vengono visualizzate le notizie sulla tecnologia, mentre nella barra laterale hanno una sezione chiamata “Messaggi sponsor Techmeme”.

Ciò che fanno è evidenziare i messaggi inviati dai loro inserzionisti. Molti blog con un pubblico consolidato potrebbero provare a implementare un modello simile.

15. Donazioni

Non è ingenuo pensare che ci possano essere persone disposte a collaborare economicamente con il tuo blog. Ecco perché potresti trovare un modo efficace per guadagnare qualche soldo extra inserendo un link o un pulsante che dice “Fai la tua donazione” .

È possibile riuscire in questo se il tuo blog offre informazioni preziose e utili per molte persone.

Un meccanismo simile ha avuto molto successo nel richiedere contributi volontari, anche se in questo caso è un plugin WordPress che dice “Comprami una birra”.

Affrontando la questione con grazia e buon senso, alcuni blogger hanno avuto alcuni risultati che generano empatia con i loro lettori, hanno contribuito con qualche euro per premiare il blogger.

Le donazioni possono essere considerate “un qualcosa in piu ” poiché in nessun caso diventano il nucleo di un modello di business.

16. Annunci in-text

Le reti pubblicitarie in-text funzionano posizionando link sponsorizzati all’interno del testo. Questo servizio è offerto da reti come Kontera o Vibrant Media , che generano collegamenti che saranno contrassegnati da una doppia sottolineatura che li differenzia dai normali collegamenti.

Quando l’utente passa il mouse su questi collegamenti, verrà visualizzato un annuncio. Se clicchi , il proprietario del blog incasserà pochi centesimi. un metodo abbastanza vecchio, ma c’è chi lo usa ancora.

17. Finestre Pop-up e Pop-under

Il Pop-up è un metodo di pubblicità ampiamente utilizzato (e anche molto fastidioso) su Internet. Se hai solo in mente di aumentare il tuo reddito il più possibile, forse dovresti provare questo formato.

Ad essere onesti, ti consiglio di usare altri metodi per monetizzare con il tuo blog. Spesso e volentieri i visitatori che vengono tempestati di finestre pop up che si aprono ad ogni click che fai tendono ad infastidirsi ed escono dal tuo sito. queste tecniche sono spesso usate nei siti che offrono servizi in streaming.

18. Pubblicità audio o video

Diverse idee per monetizzare il blog :

  • YouTube condivide le entrate pubblicitarie generate dai tuoi video nel suo programma Partners. Certo, solo se il tuo video diventa abbastanza popolare.
  • Se produci video e / o podcast, puoi cercare inserzionisti e inserire i loro messaggi nei tuoi file multimediali. A seconda di come lo fai (pre-roll, post-roll o integrato nel contenuto), la pubblicità sarà più o meno invasiva e più o meno efficace.

Guadagnare con un Blog – Vendite indirette

guadagnare-con-un-blog-vendite-indirette

Gadagnare online – vendite indirette


19. Vendi libri cartacei (non digitali)

Ci sono molti scrittori o giornalisti che sfruttano i loro blog o i loro siti web per vendere copie dei loro libri in versione cartacea. Di solito è fatto da autori famosi che trasferiscono i loro follower sul web nel mondo reale. Ma può anche accadere il contrario, che un blogger guadagna popolarità attraverso i suoi post, e poi decide di pubblicare un libro.

20. Vendi temi o plugin per WordPress

Con l’aumento della presenza online, chiunque si cimenta nel creare un suo blog o sito web, ed aumentano le richieste di temi per WordPress, o altri cms. In questo Puoi promuovere e offrire le tue creazioni in modo indipendente.

Come esempi di siti che fanno soldi vendendo temi WordPress:

Questi citati sono dei colossi diventati avere e proprie aziende ma all’interno di questi siti, ci sono molti sviluppatori dipendenti che vendono le loro creazioni attraverso queste piattaforme.

21. Offrire servizi di consulenza

Dipenderà dalla tua area di competenza, ma attraverso la tua presenza sul web puoi offrire servizi di consulenza.

Il web andrà bene se sei l’autore del blog, perché gli articoli e le informazioni che condividi con il resto del web contribuiranno a darti una reputazione e a consolidarti come esperto, e in qualche modo dimostrerai il tuo livello di esperienza.

È possibile implementare diversi modelli:

  • Ore di lavoro . Metti un pulsante Paypal con la tua tariffa oraria e un numero di ore.
  • Ore cumulative: Piu ore lavori, maggiori sconti. Offri pacchetti di 20, 40 e 100 ore di lavoro. Metti un pulsante Paypal per ogni pacchetto.
  • Progetto : in questo caso, sicuramente il progetto richiede più dedizione. Si tratta di analizzare le esigenze del cliente e fare una proposta ad hoc. Il vero lavoro di una società di consulenza.

22. Vendi con la mailing list

Se vuoi vendere online devi avere una mailing list. Le mailing list offrono livelli di conversione che sono di gran lunga superiori a qualsiasi altro mezzo.

Pensa come incoraggiare le persone a iscriversi alla tua newsletter o aderire ad un sondaggio per ottenere profili mail interessate all’argomento, una volta creata la tua lista di profili mail , puoi usarla per inviare settimanalmente o mensilmente, news, nuovi articoli, sconti, offerte speciali e tanto altro.

piattaforme che ti aiuteranno a gestire le tue newsletter e promozioni:

23. Vendi un ebook

Un vero classico. Penso che sia una delle più antiche strategie di monetizzazione sul web, ovvero utilizzare un sito o un blog per promuovere un ebook sull’argomento che ti piace.

24. Corsi di formazione online

Le persone sono disposte a pagare qualcuno per insegnarle e trasmettere la conoscenza (non solo le informazioni) su un argomento specifico.

Non per niente l’istruzione è una delle principali industrie del mondo e sul web avviene più o meno allo stesso modo. Negli ultimi 2 anni le vendite di corsi online è letteralmente esplosa,

Ecco perché di solito è un buon affare creare un corso online in una nicchia ben definita. Naturalmente dovresti costruire una struttura coerente e anche promuoverla in modo appropriato.

In termini di supporto, ci sono molti strumenti sul web che puoi usare per impartire informazioni, dai semplici articoli alle lezioni audio e video.

Spezzo un arancia 🙂 a favore dei corsisti, Alcuni individui, non avendo una preparazione tale da poter pattuire lezioni, si siano improvvisati maestri e oratori, spinti dalla voglia di guadagnare vendendo corsi online, Quindi state attenti a chi affidare i vostri soldi, e soprattutto a chi affidare la vostra formazione professionale, possono essere piu i danni che i benefici.

25. Organizza seminari o conferenze faccia a faccia

Se riesci a rendere il tuo blog davvero un’autorità su un determinato argomento, una buona idea sarà quella di organizzare dei corsi faccia a faccia su quell’argomento.

Magari puoi riunire centinaia di persone interessate: tra i special guest e gli sponsor può nascere un giro d’affari.

26. Vendi il tuo blog

Penserai che possa essere l’ultima risorsa. Ma ancora, è un modo per generare reddito. Il sito ideale per offrire proposte per tuo blog è Flippa , un mercato che compra e vende beni online.

Puoi determinare il prezzo di un sito web con il reddito mensile che genera, ogni sito ha un prezzo stabilito dai requisiti come la qualità del sito, il tipo di nicchia e l’evoluzione del traffico.

E che ci crediate o no, ci sono anche molte persone che fanno soldi comprando, migliorando e vendendo siti.

Comprano siti esistenti, migliorano il look & feel in modo notevole, lo ottimizzano in ambito seo, lavorano per un po ‘per aumentare le entrate e poi li mettono in vendita guadagnando piu di quanto hanno speso.

conclusioni

Come avrai letto ci sono una miriade di tecniche, come la monetizzazione dei widget, le entrate pubblicitarie sui dispositivi mobili, vendere i tuoi podcast in iTunes, ecc, ma il requisito principale resta sempre uno, avere una struttura ben fatta e soprattutto generare alte percentuali di traffico mensile, altrimenti adoperare metodi di monetizzazione all’interno di un blog senza traffico non avrà alcun risultato concreto, sprecherai soltanto tempo. Per esempio, il sito in questione Seoking.it è stato creato da poco, circa 5 mesi, genera pochissimo traffico, non conviene adottare metodi per monetizzare, guadagnare 5 centesimi al mese non è il mio obbiettivo primario.

Invece se hai un sito ben avviato e con alto traffico mensile poi adottare uno o piu dei metodi descritti in questo articolo, poi sta a te decidere qual’è il metodo che sia piu conforme alle tue esigenze e al tuo pubblico, l’importante avere sempre buon senso nel rispetto di chi bazzica dentro il tuo sito.

Vediamo, sono sicuro di aver dimenticato alcuni modi per monetizzare con un blog. Chi mi aiuta a completare questa lista?

I am text block. Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Ti è piaciuto l'articolo ?
[Totale: 1 Media Voto: 5]
Post suggeriti
Lascia un commento

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

creare un blog di modaconsulente Seo roma freelance